Back to Top

SPEDIZIONE GRATUITA
per ordini a partire de 49€
CONSEGNA IN 48H
In Italia
PIÚ DI 100.000 CLIENTI
soddisfatti in tutta Europa
PRODOTTI ELABORATI
in laboratori certificati UE

Il ruolo della psicologia nel perdere peso

04/08/15 15.58

Voglio perdere peso. È questo che pensi non appena ti svegli. Devi dimagrire (e rapidamente!) perche quei pantaloni nuovi continuano a non entrarti.

Pensi a tutto quello che mangi ma non dovresti, immagini quante calorie ci sono nello snack di metà mattina e ti pesi due volte al giorno? Allora probabilmente sei al punto dell’ossessione e forse questo non è il miglior modo per raggiungere i risultati che desideri.

Se le tue emozioni rispetto al dimagrire sono ansia, stress e un attacco di nervi ogni volta che non vedi la lancetta della bilancia scendere, allora questa situazione si rivelerà un nemico per il tuo obiettivo di perdere peso.

Soffriamo le conseguenze di anni, e in alcuni casi di decine d’anni di errori alimentari e di uno stile di vita sedentario che pensiamo di poter cancellare dal nostro corpo con 3 mesi di palestra e un’alimentazione più attenta.

Aspettative difficili da riuscire a superare e  che demotivano la maggior parte delle persone che desiderano perdere peso 1.

 Un risultato inferiore alle aspettative o il senso di delusione perché non riesci a perdere peso alla velocità desiderata, può portarti a lasciar perdere:  il gettarsi su una barretta di cioccolato o su un pacchetto di biscotti che tenevi in dispensa per un’ emergenza può molte volte essere colpa della pressione che ti metti addosso 2.

L’eccesso di peso è abitualmente il risultato di vari fattori: biologici, emozionali, comportamentali e dell’ambiente che ci circonda.

Esistono varie strategie che si possono applicare nel nostro quotidiano per aiutarci durante il processo di perdita di peso:

Tenere un diario alimentare

Oltre a tenere un registro di tutto quello che mangi e bevi durante la giornata, devi annotare gli orari dei pasti, il luogo in cui si realizzano, la quantità ed i dettagli su tutto quello che hai ingerito. Devi completare questo diario con le emozioni che hai sentito durante il giorno. In particolare, se eri triste o arrabbiato e ti sei consolato con uno di quegli alimenti che ti fanno così male, ma che sanno così bene in certi momenti.

Circondarsi di persone che ci appoggiano

Gli studi mostrano che è più facile perdere peso in gruppo piuttosto che da soli. Questo gruppo di persone possono essere amici, familiari, un gruppo di appoggio. È sempre più facile se chi condivide i pasti con te segue un’alimentazione salutare: è meglio per tutti, che vogliano o no perdere peso, tutti ne guadagnano in salute.

Non entrare in panico se si cede in qualche pasto

Preoccuparsi troppo per aver mangiato qualcosa che non avresti dovuto non ti aiuterà in nessun modo. L’importante è capire perché in quel giorno non sei riuscito a controllarti e cercare di capire se ci sono altri modi per riuscire a scaricare i tuoi problemi che non siano il cibo 3,4.

La psicologia ci dice che l’eccesso alimentare può significare un eccesso di controllo in altre aree della vita, trasformando gli impulsi alimentari in una forma di compensazione e di soddisfazione immediata. Il cibo può essere una conseguenza e non una causa. Devi quindi cercare di capire che cosa ti posso portare ad aprire  il frigorifero durante la notte 5.

Riuscire a gestire le nostre emozioni può essere un buon aiuto nel controllo del peso, sia con un diario alimentare per riuscire a valutarti o con l’aiuto di qualche integratore brucia-grassi, l’importante è che tu riesca a capire quali  sono le ragioni che ti hanno portato ad un eccesso di peso.

Capire le ragione, è fondamentale per non ripetere gli stessi errori del passato.

La psicologia, così come la dietetica, sostengono che non si devono tentare strategia radicali, ma piuttoso cambiare in modo graduale lo stile di vita. Comincia quindi oggi a cambiare gli standard in base a cui vivi per riuscire a raggiungere risultati duraturi per il tuo peso e la tua salute.

Patricia Fernandes
Dietista
Laureata in Dietetica e Nutrizione

Bibliografia:

(1) Is Your Brain to Blame for Weight Regain? Marc-Andre. CornierPhysiology & Behavior, Volume 104, Issue 4, Setembro 2011
(2) Physiological adaptations to weight loss and factors favouring weight regain, F L Greenway. International Journal of Obesity, Maio 2015
(3) Mind/body health: Obesity - American Psychological Association. Disponívelem: http://www.apa.org/helpcenter/obesity.aspx
(4) Finding a balance - Division of Nutrition, Physical Activity, and Obesity, National Center for Chronic Disease Prevention and Health Promotion, Maio 2015. Disponível em: http://www.cdc.gov/healthyweight/calories/
(5) Fatores que dificultam a perda de peso em mulheres obesas de graus I e II, Ana Paula da Silva Vasques Oliveira; Marília Marques da Silva. Revista Psicologia e Saúde, volume 6, Junho 2014

Gli integratori alimentari non devono essere utilizzati come sostituto di un regime alimentare variato. Non superare la dose giornaliera raccomandataTenere fuori dalla portata dei bambini. Questo integratore alimentare non è un farmaco. Non assumere in caso di ipersensibilità ad uno degli ingredienti. Si raccomanda di consumare almeno 2 litri di acqua al giorno. Non utilizzare durante la gravidanza o l’allattamento. Gli individui con una condizione medica conosciuta dovrebbero consultare un medico prima di utilizzare questo o qualsiasi integratore alimentare.

Posted in Consigli Alimentari By

Patrícia Fernandes

Post Comments

1 oggetto(i)

Imposta ordine discendente

Valentina

posted on 01/09/15 13.19
Salve io peso quasi 70kili.. E vorrei tornare di nuovo al peso precedente cioe vale a dire 55kili..come devo fare e cosa devo prendere..?? vorrei un vostro aiuto..

1 oggetto(i)

Imposta ordine discendente

Invia commento




* Campi obbligatori